Volantino Alitalia dal 1 al 29 febbraio 2020 - pagina 56 - NON È PIÙ VALIDO

1 ... 56 ... 166
Volantino Alitalia - 1/2/2020 - 29/2/2020. Pagina 56.
1 ... 56 ... 166

Scorri il volantino Alitalia valido dal giorno 1/2/2020 al giorno 29/2/2020 per vedere le ultime offerte. In 165 pagine del catalogo più recente trovi i prodotti migliori della categoria Altri. Se vuoi risparmiare sulla tua prossima spesa da Alitalia, non dimenticare di sfogliare tutto il catalogo da pagina 1 a pagina 165. Se vuoi fare la spesa in modo intelligente e risparmiare sui tuoi prossimi acquist, non perdere l'ultimo catalogo ricco di prezzi eccezionali e fantastici sconti. Visita Tutti Sconti ogni giorno per on perdere le promozioni offerte dai tuoi rivenditori preferiti.

 
 
IL DIRETTORE DEL MOMA GreatBeauty © 2019 THE MUSEUM OF MODERN ART Istanbul, Glenn Lowry durante il suo speech alla ventesima edizione della conferenza MARKA tenutasi a Istanbul. Glenn Lowry during his speech at the twentieth edition of MARKA in Istanbul. TESTO Benedetta Rossi Albini Si è tenuta a fine dicembre, a Istanbul, la ventesima edizione del Marka, conferenza internazionale e piattaforma di incontro nata per stimolare il business turco. Proprio a Istanbul, città di confine, crogiuolo di storia, religioni e cultura - in poche parole il “brand” più potente della Turchia - è stato dedicato questo anniversario: per l’occasione illustri speakers sono intervenuti da tutto il mondo per condividere il loro pensiero con la platea. Tra di loro il leggendario direttore del MoMA di New York, Glenn Lowry, che Ulisse ha intervistato in esclusiva italiana. Opinion leader, manager e visionario, Lowry è l’unico direttore a cui è stato consentito di restare in carica dopo i 65 anni. Un uomo eccezionale che ci racconta, cosa vuol dire “pensare moderno”, cosa ha da insegnarci l’arte turca, come ha scoperto la pittura… Glenn Lowry Che cosa l’ha avvicinata all’arte? «Gran bella domanda. Direi una gita al museo, a 6 anni. I miei si erano trasferiti da New York in una piccola cittadina del Massachusetts, Williamstown, che aveva un solo buon museo. Mamma mi portava spesso lì, con le mie sorelle: non DENTRO IL MOMA American People Series #20: Die di Faith Ringgold, del 1967, sopra. La sala dove è esposta l’opera di Ringgold e Les Demoiselles d’Avignon di Pablo Picasso, al MoMA, sotto. Faith Ringgold. American People Series #20: Die. 1967. Oil on canvas, two panels. The Museum of Modern Art, New York, above. Installation view of Around Les Demoiselles d’Avignon by Picasso, below. so cosa pensasse che io potessi capire, mi annoiavo a morte. Un giorno, durante una visita, mi stacco dal gruppo e inizio a vagare alla ricerca dell’uscita. E ad un certo punto noto un’opera di William Adolphe Bouguereau (pittore di fine ‘800, ndr). Era un quadro gigante, “cinematico” direi. Mi siedo per terra e resto così, come mesmerizzato, immobile. Non mi sono più soffermato su questo accadimento. Ma dopo 30 anni ci ho ripensato: come mi sono appassionato all’arte? Ho studiato al college certo, ma in realtà c’era questo ricordo, nascosto in me. L’arte ti può davvero trasformare, portarti altrove, cambiare il modo in cui pensi…». Thinking Modern è stato il tema del suo speech durante la 20° edizione del Marka. Perché ha scelto questo concetto e come lo spiegherebbe a un teenager turco? HEIDI BOHNENKAMP, THE MUSEUM OF MODERN ART, NEW YORK © 2019 THE MUSEUM OF MODERN ART UN UOMO MODERNO Il direttore del MoMA spiega a Ulisse cosa vuol dire “thinking modern” e il ruolo che i musei giocano nel progresso planetario 56 _ ULISSE __febbraio febbraio2020 2020 ULISSE _ febbraio 2020 _ 57

Volantini Alitalia

I volantini più ricercati